Morbo Dupuytren

Il morbo di Dupuytren è caratterizzato da un ispessimento patologico di una membrana, chiamata aponevrosi palmare, presente a livello del palmo della mano. Con il progredire della malattia, si può evidenziare la presenza di un cordone sotto la pelle che rende progressivamente limitata l’estensione delle dita, fino ad arrivare ad una situazione di chiusura delle stesse. La malattia è benigna ed indolore.

Tra i principali sintomi della malattia di Dupuytren vi è solitamente la presenza di noduli e ombelicature cutanee a carico della superficie palmare della mano. I noduli sono generalmente di consistenza dura e molto aderenti alla pelle. Con il progredire della malattia si possono formare corde spesse, che si estendono dal palmo verso una o più dita, con l’anulare e il mignolo più comunemente colpite. Questi cordoni possono essere confusi con i tendini, ma in realtà si trovano tra la pelle ed i tendini. Questi cordoni possono causare una flessione non correggibile delle dita. In molti casi, entrambe le mani sono colpite, anche se il grado di gravità può variare da una mano all’altra.

Il trattamento chirurgico, che prevede l’asportazione del tessuto patologico con conseguente distensione delle dita, è indicato qualora la funzione della mano sia compromessa. Inoltre è possibile che, dopo l’intervento, in un periodo che può variare da alcuni mesi a molti anni la malattia ricompaia. Il post-operatorio prevede medicazioni e cicli di fisioterapia, necessari a garantire l’efficacia del trattamento chirurgico. È sempre necessario l’ausilio di tutori.

2017-04-26T21:10:08+00:00